Quando chiedere aiuto al coach?!?

How important are thoughts?

gorilla-1031235_1280

How important are thoughts?

The thoughts. In this space I will talk about “how important are?”. I believe strongly that thoughts are determinants of happiness . I invite you to reflect on the following statements :

All success starts with thinking

You are what you think you are

(Both from the book by Ben Sweetland “Get rich while you sleep”).

They are self-explanatory statements: reflect on these two sentences opens a world of opportunities. What do you think about it?

It is very important to note the type of thoughts that we formulate every day. Scientists say that we have about 60,000 thoughts a day: it is impossible to control them all of them and is also a useless effort. There are some thoughts that make us feel good and others that make us sad. In social psychology, it was demonstrated the correlation between thoughts and emotions. The thoughts you have cause of emotions, affect your mood. Try you to think of something that makes you smile and you’ll notice the emotional relationship.

First truth: thoughts affect them the emotions and moods

Good days!

Stefania Sandri

Coach professionista

La Scuola della Trasformazione

www.stefaniasandri.it

P.S.: it is my intention to create a forum in which to share personal experiences of growth and improvement. Users reading the results achieved by the other, they help each other and/or through my services and suggestions. What do you think about it? let me know please 🙂

How to manage the fear of being judged by others?

fear-617131_640

I want to talk about this kind of fear because I believe that today it is widespread.

What is the fear of being judged by others? it is an emotion from the adverse effects.

We fear the judgment of others because we feel it with the mind as uncomfortable: we could hear not included, derided, humiliated intimacy and deeply touched unpleasantly. And ‘more comfortable conform to the group and be silent. What are the effects?

-Locks the authenticity of expression: the ego real assumes a mask and suffers from falsehood. What then is the meaning of life? to play the roles? if we are not real people, what are we?

-you closes the door to the “possibilitazione”: fear blocks the possibility that a situation will turn into an opportunity to improve your life. Imagine, for example, in a working meeting to express an idea that is contrary to that of most of the people acting together; you get noticed by your boss who decides to put you in charge of the project

-it is risk-free: if you do not express yourself, do not risk that someone will get angry or you rifles words to what you said or did. Zero risk.

-the fear is fear, there is no joy or happiness. It is bad to live in fear. Why then try it? the ego frightens us when we go out from the routine to prevent us to evolve. But fear is also transient. It takes what has to last and then vanish into thin air while we proceed proud of ourselves.

The fear of being judged by others is connected with self-esteem. Low self-esteem produces dependence on others, conformism and fear of being judged by others.

It attaches great importance to the judgments of others much to fear them. Are we, however, that we decide to give him much power to forget that they are more important our judgments about us and about what we do. And ‘absurd to such behavior. (Again I connect me that self-esteem is the judgment that we give of our value. What do you think about you? How do you judge? I invite you to raise your level of self-esteem!).

What other negative effects of fear the judgment of others? you are free to add other you dear blog readers and send them to me thank you!

Now to the positive effects of this form of fear: I do not come to mind …

How to transform? My point of view is to screw her friend so as not to let her graying your days. How to make friends?

1-make the decision to deal with it;

2-engage the lens;

3-list ten important benefits for you to realize surpassing;

4-if fear is your friend, watch it like a girlfriend! you can not do harm. And ‘it is passing as I said above, and disappears when not from the mental power; reduce the focus on fear;

5-attribute a picture: what does it look? what colors do you have? as if it were a person. So it will be easier to relate to it;

6-how fear as a good friend you want to help? for example you want to say to ponder the words before you tell her to be respectful and not offensive to others;

7-must train and always find daily training opportunities to let it go so that it becomes a habit not to worry about the opinions of others.

It adds that it is not facing any monster or to overcome some kind of obstacle. You can even get around. As? Think about it

And if you can not alone seek advice from experts in the field like me.

See you soon and thanks!

Stefania Sandri

The school transformation

www.stefanisandri.it

Come gestire la paura del giudizio degli altri?

fear-617131_640

Voglio parlare di questa forma di paura perché credo che oggi sia molto diffusa.

Che cosa è la paura del giudizio degli altri? si tratta di una emozione dagli effetti negativi.

Abbiamo paura del giudizio altrui perché lo prospettiamo con la mente come disagevole: ci potremmo sentire non compresi, derisi, umiliati nell’intimità e toccati in profondità in modo sgradevole. E’ più comodo conformarsi al gruppo e stare in silenzio. Quali sono gli effetti?

-blocca l’espressione dell’autenticità: l’Io vero e proprio assume una maschera e soffre di falsità. Qual’è allora il senso della vita? quello di recitare dei ruoli? se non siamo persone autentiche, che cosa siamo?

-si chiude la porta alla “possibilitazione”: la paura blocca la possibilità che una situazione si trasformi in un occasione di miglioramento della tua vita. Immagina per esempio in una riunione di lavoro di esprimere un’idea che è contraria a quella della maggior parte delle persone riunite; vieni  notato dal tuo superiore che decide di metterti a capo del progetto

-è esente da rischi: se non ti esprimi, non rischi che qualcuno si arrabbi o ti fucili a parole per quello che hai detto o hai fatto. Zero rischi.

-la paura è paura, non è gioia o felicità. Si sta male vivere nella paura. Perché allora provarla? l’ego ci spaventa quando usciamo dalla routine per impedirci di evolvere. Ma la paura è anche transitoria. Dura quel che deve durare e poi svanisce nel nulla mentre noi procediamo fieri di noi stessi.

La paura del giudizio degli altri è connessa con l’autostima. Una bassa autostima produce dipendenza dagli altri, conformismo e paura di essere giudicati dagli altri.

Viene data molta importanza ai giudizi degli altri tanto da temerli. Siamo noi tuttavia che decidiamo di dargli potere tanto da dimenticare che sono più importanti i nostri giudizi su di noi e su quello che facciamo. E’ assurdo un comportamento del genere. (Di nuovo mi collego all’autostima che è il giudizio che diamo del nostro valore. Che cosa pensi di te? come ti giudichi? ti invito ad alzare il tuo livello di autostima!).

Quali altri effetti negativi della paura del giudizio altrui? siete liberi di aggiungerne altri anche voi cari lettori del blog e di mandarmeli grazie!

Passiamo agli effetti positivi di questa forma di paura: non me ne vengono in mente…

Come fare per trasformarla? Il mio punto di vista è di farsela amica così da non permetterle di ingrigire i vostri giorni. Come fare amicizia?

1-prendere la decisione di affrontarla;

2-impegnarsi nell’obiettivo;

3-elencare dieci benefici importanti per te che realizzerai superandola;

4-se la paura è tua amica, osservala come fosse un’amica! non ti può fare del male. E’ passeggera come ho detto sopra e sparisce nel momento in cui non le dai più potere mentale; riduci la focalizzazione sulla paura;

5-attribuisci un immagine: che aspetto ha? che colori ha? come se fosse una persona. Sarà più facile così entrare in relazione con essa;

6-in che modo la paura da buona amica ti vuole aiutare? per esempio mi vuole dire di ponderare le parole prima di dirle per essere rispettosa e non offensiva verso gli altri.

7-occorre allenarsi e trovare sempre occasioni di allenamento giornaliere per lasciarla andare affinché diventi un abitudine non temere più i giudizi altrui.

Aggiungo che non si tratta di affrontare nessun mostro o di superare chissà quale ostacolo. Si può anche aggirare. Come? riflettici sopra

E se non riuscite da soli rivolgetevi a degli esperti in materia come me.

A presto e grazie!

Stefania Sandri

La scuola della trasformazione

www.stefaniasandri.it

 

 

 

How do you see yourself?

eye-931978_1280

How do you see yourself?

The thoughts they do, positive or negative, on how you present the data to the business meeting, or how do you deal to solve a problem, they are mental images. Give it a try: think of the weekend:

What have you done?

What do you see?

The images you see are pleasant or not, depending on the type of thoughts you do. Look at the photo posted at the top of the article: who do you feel? I feel a sense of depth, mystery.

Every thought has repercussions:

-positive ones cause positive reaction

-negative ones cause negative reactions

The reactions take place on the emotional level, physical, psychic, magnetism. Practically everything.

Whenever you see yourself frightened or anxious, you are creating that kind of person “afraid” or “anxious” (are examples). No matter if you are thinking to a situation already happened or that issues happen in the future in connection with a scheduled event, or only to an imagined situation; what happens is that concrete will manifest into your reality that kind of person it!

Our mind has the feature that is based on your past experiences to predict the future. If a job interview you felt strongly agitated, the next interview probably resurface your mind you the same script: yourself “agitated.” And you behave as rough because you’re following your mental images. The mind is not made for certain work and above is not meant to predict the future. E ‘must then load positive images instead of negative ones.

Imagine yourself relaxed as you’re dressed? what is your posture? what are you thinking about? SARA ‘A SUCCESS! You wear perfume? detailing as you can the image and upload it with enthusiasm. Repeat the operation when you’re relaxed (before sleep, upon awakening and after a meditation). And then verify the results obtained with this mode.

In the past they have lived characters like Emmet Fox and Thomas Troward who have invested much of their energy in the study of the powers of the mind. They encouraged to use positive thinking to solve problems. I’m on their side.

Nurture positive and transforms what makes you feel bad (www.stefaniasandri.it)

The complaints are parasites of your Light.

Thank you

STEFANIA SANDRI

Logo-Restyling--Stefania-Sandri-OK6

THE SCHOOL OF TRANSFORMATION

Come vedi te stesso?

eye-931978_1280

Come vedi te stesso?

I pensieri che fai, positivi o negativi che siano, su come presenterai i dati alla riunione di lavoro o su come ti comporterai per risolvere un problema, sono immagini mentali. Fai una prova: pensa al week-end:

Che cosa hai fatto?

Cosa vedi?

Le immagini che vedi sono piacevoli o meno a seconda del tipo di pensieri che fai. Guarda la foto postata in cima all’articolo: che effetto ti fa? io provo una sensazione di profondità, di mistero.

Ogni pensiero ha delle ripercussioni:

  • quelli positivi causano reazione positive
  • quelli negativi causano reazioni negative

Le reazioni avvengono a livello delle emozioni, del fisico, della psiche, del magnetismo. In pratica su tutto.

Ogni volta che ti vedi impaurito o ansioso, stai creando quel tipo di persona “impaurita” o “ansiosa” (sono esempi). Non importa se stai pensando ad una situazione già accaduta o che temi accadere in futuro in relazione ad un evento programmato o solo ad una situazione immaginata; ciò che di concreto accade è che si manifesterà nella tua realtà quel tipo di persona li!

La nostra mente ha la caratteristica che si basa sulle tue esperienze pregresse per predire il futuro. Se ad un colloquio di lavoro ti sei sentito fortemente agitato, al prossimo colloquio con molta probabilità la tua mente ti riproporrà lo stesso copione: te stesso “agitato”.  E ti comporterai da agitato perché stai seguendo le tue immagini mentali. La mente non è fatta per certi lavori e soprattutto non è fatta per predire il futuro. E’ necessario quindi caricare immagini positive al posto di quelle negative.

Immagina te stesso rilassato, come sei vestito? qual è la tua postura? a cosa pensi? SARA’ UN SUCCESSO! Che profumo indosserai? dettaglia più che puoi l’immagine e caricala di entusiasmo. Ripeti l’operazione quando sei rilassato (prima di dormire, al risveglio e dopo una meditazione). E poi verifica i risultati ottenuti con questa modalità.

Nel passato hanno vissuto personaggi come Emmet Fox e Thomas Troward che hanno investito gran parte delle loro energie nello studio dei poteri della mente. Essi incoraggiavano ad utilizzare il pensiero positivo per risolvere i problemi. Io sono dalla loro parte.

Coltiva la positività e trasforma ciò che ti fa sentire male (www.stefaniasandri.it)

Le lamentele sono parassiti della tua Luce.

 

Grazie

STEFANIA SANDRI

LA SCUOLA DELLA TRASFORMAZIONE

 

 

 

 

 

Know yourself better

autostima_10_lode

How is it important to know yourself?

What are your:

-values

-talents

-vocations

-beliefs

-fears

Of course, it’s very important. It is necessary some time and a strong belief about its worth to do it. Believe that to invest in themselves is a necessary action.

What are the uses of working on themselves?

-finding the right job suited to you, to WHO YOU ARE FOR REAL. What is the difference betweenw the person who you think you are and what you really are? I invite to answer

-discover personal vocations that are activities that we love doing in in which time flows without realizing it like reading a novels

-recognize your intuitive voice among the others and know how to listen

-choosing the right persons for you in love and in friend and work relationships

-discover your life path

-become master of yourself and of your decisions without external conditions

recognize persona traits you never noticed before

+ others opportunities. Try to add those that come to mind!

Like Dan Millman says, the people thinks that the activities that do not produce incomes have not value and therefore are put aside.

If you dedicate some time to discover yourself, what could happen? I did it and “well worth the effort.”

There are many reasons to decide to do it and so I invite you to take action now for your own good. It is the action that leads to change, even if small but continuous, one step at a time. Contact me to learn more.

Bye bye

Stefania Sandri

La scuola della trasformazione

www.stefaniasandri.it

Conosci meglio te stesso

autostima_10_lode

Quanto è importante conoscersi? quali sono i tuoi

VALORI

TALENTI

VOCAZIONI

CREDENZE

PAURE

Certo che è molto importante. Occorre del tempo e la forte convinzione che ne vale proprio la pena farlo. Credere che investire su se stessi sia un’azione necessaria.

A cosa serve lavorare su se stessi?

-trovare il lavoro giusto quello adatto a te, a CHI SEI PER DAVVERO. Che differenza c’è tra la persona che pensi di essere e quella che sei veramente? ti invito a rispondere.

-scoprire le personali vocazioni che sono tutte quelle attività che amiamo fare in cui il tempo scorre senza accorgersene come leggere romanzi

-riconoscere la tua voce intuitiva in mezzo alle altre e a saperla ascoltare

-scegliere le persone giuste per te in Amore e nelle relazioni di amicizia, di lavoro

-scoprire il tuo percorso di vita

diventare padrone di te stesso, delle tue decisioni senza condizionamenti esterni

-riconoscere delle caratteristiche di te che non avevi mai notato prima

+ altre opportunità. Prova ad aggiungere quelle che ti vengono in mente.

Come dice Dan Millman, la gente pensa che le attività che non producono redditi non hanno valore e quindi vengono accantonate. Se dedicassi del tempo alla scoperta di te stesso, che cosa potrebbe accadere? Io l’ho fatto e “ne è valsa proprio la pena”.

Tante sono le motivazioni per decidere di farlo e perciò ti invito ad agire subito per il tuo bene. E’ l’azione che porta al cambiamento, seppur piccola ma continua, un passetto alla volta.

Contattami per saperne di più.

Stefania Sandri

La scuola della trasformazione

www.stefaniasandri.it

 

 

Perché non riesco a cambiare?

thinking-272677_1920

Alcune persone di fronte a qualcosa di fuori dall’ordinario in cui occorre sfoderare quella parte sicura di sé stessi, pensano: “Non ci riesco, non ce la posso fare! Sono fatta così, non cambierò mai! Vi riconoscete?

Ma che cosa è questa voce negativa? è una credenza su di te (https://it.wikipedia.org/wiki/Credenza). Ed essendo una credenza, per sua natura, è VERA per te, non la metti in discussione nonostante ti faccia soffrire e non ti permetta di vivere come invece vorresti.

Ma perché dovresti mettere in discussione le tue convinzioni? Per diverse ragioni: sono fonte di motivazione, formano la tua identità, ti bloccano la strada, dirigono le tue decisioni ed azioni. Esse sono così influenti da dirigere, a livello inconsapevole, tutta la tua vita nella gioia o nell’infelicità. Nascondono risorse e capacità che rimangono purtroppo latenti se certe convinzioni sbarrano il percorso.

La mia verità è la seguente: non riuscite a cambiare perché non credete che sia possibile farlo! E trattasi appunto di una credenza-limite.

Tieni presente che la tua ferma credenza di riuscire è più importante di qualsiasi altra cosa.    Abramo Lincoln

Ho constato nella mia vita che ogni volta che decido di agire verso un obiettivo, un desiderio e dentro di me sono convinta di riuscirci, nella mia mente rimbalzano queste parole: “tanto ci riesco. Quando voglio una cosa, prima o poi, ci riesco”.

Le credenze sono dei semplici punti di vista e come tali si possono trasformare! Si sono formate nel passato in una situazione specifica ma continuano a determinare il vostro futuro (si auto-avverano) perché la nostra mente per semplificare e risparmiare energia generalizza un punto di vista che si è formato in una specifica situazione a tutti gli altri che accadranno.

Per esempio: se hai la credenza di non riuscire a parlare inglese fluentemente, non ti iscriverai mai ad un corso di inglese avanzato, nonostante tu abbia il forte desiderio di dialogare con il mondo. Tale convinzione ti limiterà nella vita e non potrai così allargare le tue conoscenze.

Un dato importante è che è stato appurato che le convinzioni sulle nostre capacità sono usate per predire successi/insuccessi: chi è convinto di riuscire, riesce! Sono molto importanti le credenze che abbiamo su noi stessi e le nostre capacità.

Prova a fare questo esercizio.

1-Individua una credenza su te stesso che ti limita

2-Mettiti nei panni di una persona che stimi e che ti conosce molto bene: “Che cosa ti direbbe, questa persona, per dimostrarti che sei diverso da quello che credi di essere?”

3-Elenca 3 fatti o motivazioni che riescono a mettere in dubbio la tua credenza

4-E adesso? Da 1 a 10 quanto tale credenza è ancora vera per te?

Buona trasformazione!

Stefania Sandri